L’evoluzione della cisterna fino a diventare morbida

Pubblicato il : - Categorie : Blog

Ormai lo sappiamo: quando un nuovo cliente si approccia al nostro prodotto, rimane stupito da questa nuova evoluzione flessibile della cisterna.

Pensare a questo prodotto come ad un serbatoio così pratico e di così agevole utilizzo risulta difficile: è fin troppo radicata in noi l’immagine della cisterna come quella di un grosso contenitore ingombrante.

Ma vediamo la storia di questo oggetto e come si è evoluto fino a diventare il pratico alleato di agricoltori, pompieri, appassionati di nautica e lavoratori dei più diversificati settori industriali. Ma soprattutto, come si è evoluto nell’ideologia, passando da contenitore finalizzato al solo stoccaggio di acque, fino ad essere in innumerevoli campi lavorativi e non.

Breve storia delle cisterne

Sin dai tempi più remoti, si ha notizia delle cisterne come contenitori interrati in pietra per la conservazione dell’acqua piovana, per far fronte ai periodi siccità. Tali cisterne erano interrate e presentavano un piccolo foro sulla sommità per impedire l’ingresso di impurità. Strutture architettoniche particolarmente fiorenti in periodo Romano, sono state la base per la costruzione di infrastrutture come gli acquedotti.

Solo in tempi più recenti le cisterne hanno iniziato ad essere costruite fuori terra, in materiali trai i più diversi: dal legno, alla pietra e, infine, vetroresina e in acciaio.

Con l’evolversi dei materiali di utilizzo, si evolve anche la concezione della cisterna stessa, usata non solo per lo stoccaggio dell’acqua piovana al fine della sussistenza, ma anche per il contenimento di altri liquidi alimentari come il vino e l’olio e, in tempi ancora più recenti, di liquidi industriali.

Infatti, con l'avvento dell'industria chimica e con la necessità del trasporto dei combustibili e dei prodotti chimici, si sono diffuse addirittura le cisterne mobili, su ruote oppure galleggianti sulle acque dei mari o dei fiumi navigabili.

L’evoluzione e l’innovazione finali

Ad oggi, noi di Eco Tank possiamo dire di aver fatto nostro tutto questo bagaglio di conoscenze derivanti dalla storia, per creare un prodotto utile, resistente e d’avanguardia. Abbiamo creato le cisterne morbide, contenitori flessibili in un PVC tanto resistente da non avere nulla da invidiare ai contenitori per stoccaggio di liquidi rigidi. Uniamo necessità a comodità per agevolarti nello svolgimento del tuo lavoro.

Ecco perché una cisterna morbida è considerata l’evoluzione d’avanguardia delle cisterne:

- L’installazione è facile e veloce

- Ha un’elevata resistenza meccanica

- Non è soggetta a nessuna contaminazione né evaporazione grazie ai sistemi di valvole che la accessoriano

- Vantano grande compattezza, con conseguente risparmio nei costi di trasporto

- Sono personalizzabili su richiesta in capacità, dimensioni e raccorderia.

Se vuoi saperne di più, capire quale delle nostre cisterne può fare al caso tuo e venire incontro alle esigenze della tua azienda, contattaci. Il nostro Team di esperti Eco Tank saprà guidarti nell’evoluzione del tuo modo di lavorare… e di vedere le cisterne!

Aggiungi un commento

 (con http://)