itenfrde
CARRELLO
- 0,00 €
Carrello vuoto
I tuoi prodotti Update Price
Lunedì, 02 Marzo 2020 17:30

In edilizia come in agricoltura: ecco tutti i settori di applicazione delle cisterne morbide Eco Tank

Written by EcoTank
Rate this item
(0 votes)

Le cisterne morbide Eco Tank rappresentano una valida risorsa in molti campi: dall'edilizia all'agricoltura, ecco come utilizzarle

La raccolta e lo stoccaggio dell'acqua sono fondamentali per risparmiare sia da un punto di vista economico che da un punto di vista ecologico. Attraverso un riutilizzo sapiente dell'acqua piovana e di altri liquidi, infatti, è possibile evitare sprechi inutili e contribuire a uno sviluppo di tipo sostenibile.

In Italia lo spreco di acqua in ambito civile e agricolo è decisamente eccessivo: ecco perché è opportuno correre ai ripari attraverso metodologie moderne e innovative e strumenti ecosostenibili come le cisterne morbide Eco Tank, una vera e propria risorsa al servizio dell'ambiente.

I possibili riutilizzi dell'acqua

Il recupero dell'acqua piovana e delle acque reflue è uno dei principali settori di applicazione delle cisterne morbide Eco Tank. Lo stoccaggio dei suddetti liquidi, infatti, può risultare utilissimo in ambito domestico (uso dello sciacquone, irrigazione di giardini e aiuole, lavaggio di mezzi di trasporto etc.). Ovviamente, soprattutto nel caso delle acque grigie, prima del riutilizzo è necessario un passaggio dei liquidi in appositi strumenti di depurazione; una volta effettuato questo passaggio, le acque sono pronte per essere reimmesse in circolo e usate per vari scopi.

Le cisterne morbide Eco Tank si prestano particolarmente allo stoccaggio dell'acqua piovana e delle acque grigie, ma la loro versatilità non si ferma al mero impiego in ambito domestico: i serbatoi, infatti, sono ideali anche per l'uso in campo edile e agricolo.

Prove di carico statiche

Tra i campi di applicazione delle cisterne morbide Eco Tank c'è anche il settore edilizio: i serbatoi possono infatti essere utilizzati per effettuare prove di carico statiche, collaudo di solai, terrazzi, strutture portanti e natanti.

Grazie alla loro flessibilità e alla possibilità di essere spostate facilmente e riempite in maniera graduale, le cisterne Eco Tank rappresentano lo strumento ideale per verificare la resa di solai e strutture portanti sottoposti a pesi e sollecitazioni di ampia portata.

Riserve d'acqua dedicate al bestiame

Anche in ambito agricolo le cisterne Eco Tank si configurano come uno strumento fondamentale: vengono impiegate, infatti, per effettuare lo stoccaggio di acque destinate agli allevamenti all’aperto al fine di garantire una fornitura continua agli abbeveratoi per il bestiame.

Inoltre, i serbatoi possono servire per conservare le acque piovane (e non) con lo scopo di irrigare terreni, colture e giardini e, infine, per depositare liquami e reflui zootecnici in attesa del loro smaltimento o della loro depurazione.

Altri utilizzi

Le cisterne morbide Eco Tank sono utili anche in ambiti diversi da quelli già menzionati. Un esempio è il settore delle piscine, nel quale i serbatoi flessibili rappresentano un'ottima risorsa per effettuare interventi di manutenzione professionale delle vasche attraverso operazioni di svuotamento e riempimento temporaneo delle stesse.

Non bisogna poi dimenticare che le cisterne Eco Tank possono servire anche come contenitori per la conservazione di liquidi alimentari come vini e oli. In questo caso, bisognerà effettuare una personalizzazione dei serbatoi, rendendoli adatti allo stoccaggio di sostanze per uso alimentare.

Le cisterne Eco Tank possono infine essere utilizzate come riserve idriche antincendio collegate in batteria: un aiuto concreto in caso di incendi di grosse dimensioni difficili da spegnere.

Read 2582 times Last modified on Lunedì, 02 Marzo 2020 17:41

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

  • Indirizzo: Via Brescia 10/B, 26010 Pozzaglio (CR)
  • Tel: +39 0372 55035
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter